Rosolio di rose fatto in casa: come creare un sorso di pura magia nel tuo giardino

da | Mar 27, 2024 | News, Ricette Funny | 0 commenti

Ah, cara Bianca, oggi ti parlerò di una tradizione che ha radici profonde nella storia della nostra famiglia, e che porta con sé il sapore e il profumo di tempi ormai lontani. Parliamo del rosolio di rose fatto in casa, una bevanda che più di ogni altra sa racchiudere la magia di un giardino fiorito in un semplice sorso.

Il rosolio della nonna: una ricetta tramandata

Prima di addentrarci in questa avventura, voglio condividere con te, cara, la lista degli ingredienti che ci serviranno:

  • 100 gr di petali di rose (assolutamente non trattate e preferibilmente raccolte al mattino, quando il loro aroma è al culmine),
  • Mezzo litro di alcol a 90° (il segreto per estrarre al meglio le essenze delle rose),
  • 300 gr di acqua,
  • 300 gr + 2 cucchiai di zucchero (il tocco dolce che equilibra la forza dell’alcol).

Preparazione passo dopo passo

Con pazienza e amore, iniziamo la preparazione. Prendi i petali di rose e, immaginandoli come delicati tessuti di pura magia, utilizza un pestello o il fondo di un bicchiere per schiacciarli delicatamente insieme a due cucchiai di zucchero. Questo processo aiuta a liberare gli oli essenziali delle rose, fondamentali per conferire al nostro rosolio quel gusto unico e inconfondibile.

Successivamente, trasferisci il composto in un vaso di vetro. Qui viene il momento di aggiungere mezzo litro di alcol, che fungerà da solvente per i nostri preziosi oli di rose. Chiudi il vaso ermeticamente e trova per lui un angolino fresco dove possa riposare indisturbato per 10 giorni. Questo periodo di infusione è cruciale, poiché è il tempo necessario affinché l’alcol si arricchisca di tutti i profumi e i sapori dei petali di rosa.

Dopo questi giorni di attesa, è il momento di preparare lo sciroppo. Unisci l’acqua e lo zucchero in un pentolino e porta a ebollizione, solo per qualche minuto, giusto il tempo di far sciogliere completamente lo zucchero. Lascia che si raffreddi e poi versalo nel nostro vaso di vetro, mescolando delicatamente per unire il dolce dello sciroppo al profumo inebriante delle rose.

Ora, cara Bianca, viene la parte più difficile: attendere ancora. Lascia il vaso in infusione per altri 30 giorni. So che sembra tanto, ma ti assicuro che l’attesa varrà la pena. Una volta trascorso questo tempo, filtra il liquido per rimuovere i petali di rosa e qualsiasi impurità, poi imbottiglia il tuo rosolio. Si conserva bene per mesi, pronto per essere gustato nei momenti speciali.

La magia del rosolio di rose

Ma perché tutto questo impegno, ti chiederai? Perché, mia cara, il rosolio di rose non è una semplice bevanda. È un ponte che ci collega al passato, un modo per tenere viva la memoria delle generazioni che ci hanno preceduto. È anche un gesto d’amore, una creazione che richiede pazienza, cura, e un profondo rispetto per la natura.

E poi, immagina di sorseggiarlo in una calda serata estiva, nel tuo giardino, circondata dai profumi delle rose ancora in fiore. È come bere l’essenza stessa dell’estate, un sorso di pura magia che rallegra il cuore e rinfresca lo spirito.

Conclusione

Ricordati, Bianca, che ogni volta che preparerai il rosolio di rose, non sarai mai sola. Sarai in compagnia delle generazioni di donne che hanno fatto lo stesso gesto prima di te, mescolando ingredienti semplici per creare qualcosa di straordinario. E così, ogni sorso di questa preziosa bevanda diventerà un omaggio alla nostra storia, un brindisi alla vita e alla bellezza che ci circonda.

E con questo, mia cara, ti ho svelato il segreto del rosolio di rose fatto in casa. Ora spetta a te portare avanti questa dolce tradizione, magari un giorno raccontandola a qualcuno che ti è caro, proprio come ho fatto io oggi con te.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *